venerdì 24 ottobre 2008

24 ottobre costruzione piattaforma della protesta

Questa sera, 24 ottobre ore 21:30 presso l'entrata del collegio Tridente, tutti sono invitati al dibattito sul programma della protesta.
Verranno affrontati i tempi e le forme di protesta da adottare per raggiungere l'obiettivo di coinvolgere gli studenti, i docenti e il personale tecnico-amministrativo dell'Ateneo di Urbino, sensibilizzare la città strettamente collegata alle sorti dell'Università, e unirsi alla mobilitazione nazionale.

12 commenti:

Mattia Fadda ha detto...

Ci sarò!!!
Questo momento è troppo importante per pensare ad altro.
Ugnuno porti un amico.
Il governo farà un passo indietro!

Mengu! ha detto...

Ricordatevi anche di noi...
Frequento Comunicazione Pubblicitaria che ha sede a Pesaro e da noi raramente arrivano notizie...
Ho scoperto dell'assemblea del 23 il 23 a mezzanotte e la mattina mi sono precipitato a Urbino!!! Adesso c'è il blog!!! Fortuna!!!
Stasera non ci sarò! Ma il 28 sarò presente!!!
(Quoto Mattia non si può mancare adesso!!!)

Anonimo ha detto...

DEDICATO A TUTTI QUELLI CHE NON SANNO GUARDARE O CHE NON VOGLIONO GUARDARE, A TUTTI QUELLI CHE CREDONO CHE LA 133 NON LI RIGUARDI, A TUTTI QUELLI CHE CREDONO SENZA SPIRITO CRITICO ALLA VOCE DEI MEDIA, A TUTTI QUELLI CHE INDIFFERENTI RIMANGONO CHIUSI NELLE AULE DELL’UNIVERSITA’ SENZA CAPIRE CIO’ CHE ACCADE FUORI
….SIAMO ANCORA TROPPO POCHI….URBINO SVEGLIATI!


Anche se il nostro maggio
ha fatto a meno del vostro coraggio
se la paura di guardare
vi ha fatto chinare il mento
se il fuoco ha risparmiato
le vostre Millecento
anche se voi vi credete assolti
siete lo stesso coinvolti.

E se vi siete detti
non sta succedendo niente,
le fabbriche riapriranno,
arresteranno qualche studente
convinti che fosse un gioco
a cui avremmo giocato poco
provate pure a credevi assolti
siete lo stesso coinvolti.

Anche se avete chiuso
le vostre porte sul nostro muso
la notte che le pantere
ci mordevano il sedere
lasciandoci in buonafede
massacrare sui marciapiedi
anche se ora ve ne fregate,
voi quella notte voi c'eravate.

E se nei vostri quartieri
tutto è rimasto come ieri,
senza le barricate
senza feriti, senza granate,
se avete preso per buone
le "verità" della televisione
anche se allora vi siete assolti
siete lo stesso coinvolti.

E se credente ora
che tutto sia come prima
perché avete votato ancora
la sicurezza, la disciplina,
convinti di allontanare
la paura di cambiare
verremo ancora alle vostre porte
e grideremo ancora più forte
per quanto voi vi crediate assolti
siete per sempre coinvolti,
per quanto voi vi crediate assolti
siete per sempre coinvolti.
( canzone del maggio, Fabrizio de André)

Grazia e Dario

Aly ha detto...

come mengu... dico anche io ricordatevi di noi a pesaro!!.. Dovremmo organizzare qualcosa anche lì..

pocci ha detto...

perchè non ci si fà dare una mano dalle scuole di giornalismo?
A Urbino c'è.

Gerardo Adinolfi ha detto...

Cavolo ragazzi continuate cosi', coinvolgete piu gente possibile, fate assemblee manifestazione fate sentire a vostra voce. Fate capire che Urbino non è ancora morta, che i ragazzi non pensano solo all'esame da dare e alla lezione da seguire, ma anche a lottare per se stessi e per gli altri. Io ora non posso fare ciò perche sono in Erasmus in Finlandia, ma farò quel che posso scrivendo sul mio blog, supportando e diffondendo questo blog e sperando in voi.

Matteo ha detto...

Non posso essere presente stasera,sono fuori sede. Ma il 28 ci sarò e voglio anche documentare con la mia macchina fotografica.Spero di conoscere le nuove tramite il blog. L'idea del blog è importante. Dobbiamo pensare ad un coordinamento nazionale.Inoltre esorto tutti, dopo le parole agghiaccianti di Cossiga, a rimanere lucidi nella nostra rabbia. Non dobbiamo sbagliare una mossa, ricordiamoci che loro hanno in mano l'informazione. Qualsiasi passo falso ci boicotta.

Anonimo ha detto...

Questa sera non posso esserci purtroppo!Voglio lasciare comunque un mio contributo proponendovi di fare lezioni in piazza come già stanno facendo in altre città perchè credo che questo possa essere un buon modo per farci sentire e attirare l'attenzione!!!dobbiamo muoverci TUTTI e per farlo la cosa migliore è andare all'aperto e non rimanere ancora più isolati all'interno di un'aula dove è più difficile coivolgere gli altri ragazzi perchè siamo ancora troppo pochi!!!!!Poi UNIAMOCI agli agli altri cortei!!Comunque qualsiasi cosa deciderete io ci sarò.

Ignifugo ha detto...

Ciao, scusate mi viene spontanea una domanda....ma dove eravate ad aprile quando si votava per eleggere il nuovo governo? La statistica parla chiaro: la maggior parte o non ha votato o ha votato Berlusconi. Purtroppo nella vita alcune scelte sono legate al tempo in cui sono fatte...ci aspettano 5 anni di protesta?? Muovete il culo e andate a votare quando ancora potete...ciao

Anonimo ha detto...

dobbiamo bloccare questa riforma! tutta questa mobilitazione mi fa credere ancora nella forza di NOI studenti! a che ora il 28? porterò più gente possibile!

Giada ha detto...

Forza ragazzi,se convogliamo le energie ci sentiamo piu forti e meno soli!!Grazie a tutti quelli che esprimono le loro sensibilità in un unisono di pensiero!!
De Andrè..è sempre nei tempi..

Roberta ha detto...

a quelli di Pesaro: se vi interessa esserci, organizzatevi, chiedete la disponibilità ai docenti, fate proposte, parlate con i vostri colleghi ecc ecc